Lago d'Iseo e Franciacorta

iseo


PROVAGLIO D'ISEO - Chiesa di San Pietro in Lamosa

La chiesa romanica di San Pietro in Lamosa è situata in posizione elevata e dominante a occidente del paese sulla distesa delle torbiere, da sempre chiamate "lame" e ciò spiega perché si dice "in Lamosa". 
A Provaglio d’Iseo esisteva, in epoca longobarda, una chiesa, dedicata a San Pietro, che nel 1083 fu donata a Cluny e successivamente trasformata in monastero dai cluniacensi.

chiesa di san pietro in lamosaTra la fine del XII secolo e gli inizi del seguente, la chiesa venne ampliata con la costruzione delle due cappelle laterali a nord, che conservano gli affreschi più antichi, alle quali si aggiunse sul finire del XIV secolo una terza cappella gotica, coperta da una volta ogivale a costoloni.

Nel XV secolo l’edificio venne radicalmente ristrutturato e le tre navate e l’atrio furono demoliti e sostituiti da un’ampia aula unica suddivisa in quattro campate da arconi ogivali traversi che reggono il tetto a due falde.
Infine, entro la metà del Cinquecento, l’abside centrale venne allungata e ridipinta, e la nuova navatella settentrionale fu completata con la costruzione di un’ultima campata con volta ad ombrello.

Della prima chiesetta resta un tratto dell'absidiola esterna, rivolta a est.
Oggi il complesso religioso è costituito dalla navata centrale, da quella laterale a nord con quattro cappelle e dal campanile, mentre a sud si trova il piccolo chiostro, accessibile sia dalla chiesa che dal campanile.

Internamente, ai lati del coro absidato, si possono ammirare due altari. I pilastri e le pareti sono parzialmente coperti di affreschi in buono stato.
Nelle cappelle si possono ammirare gli altari di S. Carlo, di S. Maria Maddalena con statue lignee di Siena e di Santa Caterina e i resti di affreschi: tra gli altri quello che raffigura S. Antonio Abate tra San Benedetto e San Pietro Martire, datato 1456, altri attribuiti a Paolo da Caylina il Giovane.

Interessanti sono poi l'affresco della Madonna con bambino con angeli e santi, quello di S. Antonio Abate, quello della Madonna assisa in trono gotico cuspidato. Sulla volta ad ombrello di una delle cappelle sono raffigurati Evangelisti e Dottori della Chiesa, nelle lunette Sibille e Profeti.

All'interno del campanile, del sec. XII, ci sono lacerti di affreschi del '400 e '500 e un rilievo sepolcrale romano.

 

 
.
infoarte